Ciao mondo, benvenuti a Sesso Manifesto

L’esordio in rete è fissato per quest’oggi: venerdi 14 gennaio. Sono da poco passate le 17. Siamo davanti a una tazza di the e a un libro memorabile, edito da Mondadori, scritto da uno dei massimi poeti italiani: Franco Loi. Il suo libro si intitola L’Angel ed è un magnifico tuffo nel cuore delle anime e dei corpi che le ospitano:

Io questo Dio non l’ho ancora capito.
Dà voglia di fica, e dice ch’è male,
dà voglia di vivere, arriva la morte,
ci ha dato anima e corpo, ci assassina…

Per salutare questo testo di altissima poesia, quale miglior coronamento se non “L’origine del mondo” di Gustav Courbet.

L’Angel, di Franco Loi, è un romanzo in versi imperdibile. Ecco alcuni spettacolari versi:

LII
Io questo Dio non l’ho ancora capito.
Dà voglia di fica, e dice ch’è male,
dà voglia di vivere, arriva la morte,
ci ha dato anima e corpo, ci assassina…
Cosa devo pensare? Io ho paura
di un dio che già nel farci se ne lava le mani
e noi buttati qui a grattarci maturata male
la sua filosofia da manovale,
la libertà dell’arte di far figli
che non sanno né parlare né camminare.
Al dio cosa dobbiamo dire? del niente attorno?
dell’aria che corre via? del fumo nel cuore?
E’ morta la natura, il tempo ci perseguita,
e la miseria spossa dentro di noi
la voglia di guardarci e di imparare…
Se parliamo, sono bestemmie, e semmai per dire
del gran mangiare che caghiamo per la terra
insieme alle malattie e alla bontà.
Oh Dio, che gran bugìa, che voglia di piangere…
Un gran silenzio e mai una verità.

Franco Loi

XV
(…)
La fica ci piaceva – l’avevamo mai vista? –
era il pensiero che ci tirava le facce.
Non so se per l’età o la pigrizia,
più che stampata ci luccicava agli occhi.
Ma quella non era una semplice bernarda,
era una gatta, una pantera, uno scotch…
Nel suo guardare degli occhi si muoveva
– pareva si muovesse, ma ero io,
ché mi si muoveva il sangue, e tutto in nebbia
era l’andare del tram, i finestrini,
la gente stravaccata nella noia,
le strade che nel passare scivolavano finte…
Il Paradiso, ragazzi, che chiavata!
Ti sembra di essere ben caldo nel cuore del mondo
e il mondo si scopre, tutto si fa miseria:
la pratica, il coraggio, la gioventù…
(…)

Franco Loi

I testi sono tratti da: Franco Loi, L’angel, Mondadori, Milano 1994. Purtroppo il libro non è più reperibile in commercio, ma si trovano alcuni esemplari su Internet. Da non perdere.

Questa voce è stata pubblicata in Per il verso giusto. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.