Salve, grassa puttana

I versi del grande Guy de Maupassant, con quella sua tensione lirica suadente e nel medesimo tempo così destabilizzante, meritano proprio di essere letti. E’ alto erotismo, il suo, pur nella trivialità del tema.

Salve, grassa puttana, che con i tuoi larghi doccioni

hai fatto eiaculare tre generazioni,

che con la vecchia mano hai palpato più coglioni

di quante stelle dorate abbiano le costellazioni!

 

Questa voce è stata pubblicata in Per il verso giusto. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.