Archivi del mese: marzo 2011

Per eccitarmi mostri poppe pendule

Una poesia di Orazio ritrae una vecchia prostituta dell’antica Roma, con descrizioni del corpo che lasciano ammutoliti, con tratti ora comici, ora rivoltanti.

Pubblicato in Per il verso giusto