Geometrie del desiderio

geometrieIl percorso del desiderio non è affatto rettilineo: imbocca tangenti, disegna triangoli, si avvita in circoli viziosi. La coquette, il masochista, il seduttore, tutti si lasciano coinvolgere in un balletto affascinante la cui coreografia sfugge loro. René Girard rilegge alla luce di questa fondamentale intuizione i personaggi della letteratura, mostrando che i più grandi scrittori sono dei “geometri del desiderio”. In Dante (Paolo e Francesca), Shakespeare (Giulietta e Romeo) e altri, il gioco dell’amore ubbidisce alle leggi implacabili del desiderio mimetico, secondo le quali c’è un terzo termine nell’equazione amorosa: il modello che l’amante segue, che tenta di imitare e che rende desiderabile l’oggetto del suo desiderio. Un nuovo straordinario tassello che Girard aggiunge alla sua analisi dell’amore nella letteratura e nella storia dell’Occidente.

René Girard, Geometrie del desiderio, Raffaello Cortina

Questa voce è stata pubblicata in Un libro, un risvolto. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.