Sesso solitario. Storia culturale della masturbazione

mastuNella cultura classica, la masturbazione non provocava particolari ansietà, al massimo era oggetto di scherzi e barzellette. E neppure l’ebraismo diede troppo rilievo alla questione: l’unica, vera colpa di Onan era quella di non procreare. Fu in età medievale che la sessualità diventò la piaga da debellare, a favore di una castità salvifica e edificante, mentre l’autoerotismo veniva al massimo considerato una forma di grettezza. A trasformare la masturbazione in un grave problema morale e medico fu, nel 1712, la pubblicazione di un libercolo che ebbe larga diffusione e acquistò notevole credito, malgrado fosse opera di un ciarlatano che pubblicizzava i propri intrugli. Paradossalmente, la masturbazione moderna è dunque figlia dell’era illuminista, che la considerò un atto antisociale con una malsana componente immaginativa. L’incremento degli spazi domestici e della lettura privata e silenziosa furono infatti nuovi fattori che favorivano l’eccitazione solitaria, soprattutto femminile. Solo grazie a Freud l’autoerotismo fu riconosciuto una fase naturale dello sviluppo identitario e sessuale. Fino ad arrivare ai nostri giorni, segnati da provocatorie performance artistiche e dalla commercializzazione dei vibratori.

 

Thomas W. Laqueur, Sesso solitario. Storia culturale della masturbazione, Il Saggiatore

 

Questa voce è stata pubblicata in Un libro, un risvolto. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.