Quattro modi dell’amore

quattroMaria Bettetini presenta quattro modi dell’amore – l’amicizia, la passione, gli amori estremi (folli e ideali) e i falsi amori – attraverso opere filosofiche e letterarie liberamente scelte e interpretate: un itinerario, fra secoli e culture, che porta il lettore a domandarsi da quale espressione dell’amore si è lasciato, o ha desiderato, lasciarsi imprigionare. Da Immanuel Kant a Zygmunt Bauman, dai filosofi greci e i padri cristiani alle parole di Cyrano cantate da Francesco Guccini, da Omero e Saffo al mondo dei blog e di Facebook, da Simone de Beauvoir a Dostoevskij, da personaggi famosi a semplici comparse nella storia dell’umanità la domanda costante chiede di sapere “la verità, vi prego, sull’amore”, per dirla con i versi di Wystan Hugh Auden. Anche i più scettici dovranno ammettere che, nonostante tutto, una sola è la certezza: vogliamo essere amati e del demone che ci assale non siamo mai sazi Continua a leggere

Pubblicato in Un libro, un risvolto

Geometrie del desiderio

geometrieIl percorso del desiderio non è affatto rettilineo: imbocca tangenti, disegna triangoli, si avvita in circoli viziosi. La coquette, il masochista, il seduttore, tutti si lasciano coinvolgere in un balletto affascinante la cui coreografia sfugge loro. René Girard rilegge alla luce di questa fondamentale intuizione i personaggi della letteratura, mostrando che i più grandi scrittori sono dei “geometri del desiderio”. In Dante (Paolo e Francesca), Shakespeare (Giulietta e Romeo) e altri, il gioco dell’amore ubbidisce alle leggi implacabili del desiderio mimetico, secondo le quali c’è un terzo termine nell’equazione amorosa: il modello che l’amante segue, che tenta di imitare e che rende desiderabile l’oggetto del suo desiderio. Un nuovo straordinario tassello che Girard aggiunge alla sua analisi dell’amore nella letteratura e nella storia dell’Occidente Continua a leggere

Pubblicato in Un libro, un risvolto

Come pensare (di più) il sesso

come-pensare-di-piu-al-sessoPur essendo uno degli argomenti più discussi nella nostra società, non sempre lo si tratta nel modo giusto; lo consideriamo uno degli elementi centrali della nostra vita, ma spesso non ci sembra all’altezza delle aspettative; lo troviamo estremamente gradevole, eppure capita che ci metta a disagio. Di cosa stiamo parlando? Ma del sesso, è ovvio. A portare un po’ d’ordine nella confusione di idee che accompagna l’atteggiamento contemporaneo nei confronti della sessualità ci aiuta, con questo libro, Alain de Botton, il quale afferma “l’importanza di un libro filosofico sul sesso” come strumento per mettere a fuoco la questione, per guardarla da una prospettiva più realistica Continua a leggere

Pubblicato in Un libro, un risvolto

Pornoromantica

pornoCaterina Cicutto sogna di scrivere ma per campare fa la cameriera. Un giorno le si prospetta la possibilità di fare della scrittura una fonte di guadagno, ma si tratta di tenere un corso per corrispondenza su sesso e amore per un’azienda senza scrupoli, la Formazione a Distanza S.p.A. Caterina decide di accettare il lavoro ma mentre stila le dispense ufficiali secondo i parametri infingardi dell’azienda, ai suoi studenti invia clandestinamente degli scritti segreti, in cui su sesso e amore dice tutto quello che pensa, libera da obblighi di committenza, da ipocriti moralismi e da qualsiasi tipo di pudore espressivo. Il risultato sono 10 dispense in cui Caterina disserta con allegra e sfrontata ironia sulla natura del sesso e dell’amore, sulle pratiche più diffuse e su quelle più sottovalutate, sui dettagli dell’intimità e sui tanti inutili tabù che ci impediscono di coltivare e di godere un sano e autentico rapporto con il nostro corpo e con quello di chi ci piace Continua a leggere

Pubblicato in Un libro, un risvolto

Ragazze di campagna

ragazzeLa timida e romantica Caithleen sogna l’amore, mentre la sua amica Babà, sfrontata e disinibita, è ansiosa di vivere liberamente ogni esperienza che la vita può regalare a una giovane donna. Quando l’orizzonte del loro piccolo villaggio, nella cattolicissima campagna irlandese, si fa troppo angusto, decidono di lasciare il collegio di suore in cui vivono per scappare nella grande città, in cerca d’amore ed emozioni. Nonostante siano fermamente decise a sfidare insieme il mondo, le loro vite prenderanno però vie del tutto inaspettate e ciascuna dovrà imparare a scegliere da sola il proprio destino. Il romanzo segna l’esordio narrativo dell’autrice, nel 1960, ed è fortemente autobiografico. Suscitò sentimenti di sdegno e condanna, il libro fu bruciato sul sagrato delle chiese e messo all’indice per aver raccontato, per la prima volta con sincerità e in maniera esplicita, il desiderio di una nuova generazione di donne che rivendicava il diritto di poter vivere e parlare liberamente della propria sessualità Continua a leggere

Pubblicato in Un libro, un risvolto

I colori dell’erotismo. Passione, rabbia, energia, sentimento

cerviaA Cervia, in piazza dei Salinari nei giorni 28, 29 e 30 giugno, il Festival delle arti giunge quest’anno alla sua dodicesima edizione e, come sempre, apre la stagione estiva. La kermesse è ormai un appuntamento irrinunciabile che trasforma il porto canale della città romagnola in un grande atelier a cielo aperto. Più di settanta artisti provenienti da tutta Italia si incontreranno per lavorare in “presa diretta”, coinvolgendo il pubblico tra officine artistiche, laboratori per bambini, spettacoli e contastorie Continua a leggere

Pubblicato in Eventi

Conversazioni al femminile sulla sessualità

conversazioniQuattro brevi racconti ci catapultano all’interno delle problematiche femminili inerenti la sfera della sessualità, fisica ed emotiva. Miriam non riesce più a provare desiderio per Marco, respinge le sue avances e sente dentro di sé un’inappetenza affettiva incolmabile. L’adolescente Ambra non ha dei rapporti soddisfacenti con il suo ragazzo David, a causa di un dolore vaginale durante la penetrazione che, via via, è diventato sempre più insopportabile. Pamela non arriva all’orgasmo durante il coito, e limita il suo piacere al petting. Martina soffre di vaginismo e, col tempo, ha sviluppato un rifiuto totale della penetrazione, bloccando la crescita potenziale di una sessualità piena e appagante Continua a leggere

Pubblicato in Un libro, un risvolto

Nudo di donne

Nudo-di-donneLa Milano degli anni ’70, l’Afghanistan come luogo troppo lontano per essere vero, un ritratto sbiadito dell’Uruguay, un Giappone all’apparenza perfetto, “Nudo di donne” è fatto di tutto questo ma soprattutto è un romanzo costruito da storie, storie che si congiungono, si annodano e si snodano per poi confluire nuovamente in un unico viaggio perché guidate da un comune denominatore: la ricerca dell’amore.
Rappresentato in prima persona dal forte legame tra una madre e le sue tre figlie, l’amore di cui la figlia protagonista e narratrice Petra ci parla è un sentimento che nella realtà è quasi sempre incompreso e incomprensibile e che, proprio per questo, inesorabilmente sembra non risolvere mai vecchi dissidi e antiche angosce familiari. In un’apparente insofferenza, è dunque l’incontro dei vari personaggi con la pazzia, con la malattia, con la gioia, con il tradimento, con la morte, insomma, con la vita vissuta in ogni suo aspetto che rende finalmente riconoscibile questo amore e in cui è possibile rispecchiarsi, ognuno nella propria storia, ognuno nel proprio quotidiano Continua a leggere

Pubblicato in Un libro, un risvolto

Sensuale Novecento

sensualeSi intitola così: “Sensuale Novecento”, e si tratta di un percorso tra parole e immagini, una conferenza a cura di Alessandra  Bianchi e Gianni Franzone, con voce recitante di Stefano Stefanacci. L’appuntamento è programmato per venerdi 10 maggio a Genova Nervi. Si svolgerà per l’esattezza  presso la Biblioteca “Virgilio Brocchi”. Alle ore 17, in via  Casotti, 1 Continua a leggere

Pubblicato in Mostre & Spettacoli

Essere donna, la mia tragedia

plathNella interessantissima e coinvolgente rubrica che Lucrezia e Giorgio Dell’Arti firmano su “Io Donna”, il femminile del “Corriere della Sera”, nel numero dello scorso 23 febbraio compare il ritratto della poetessa americana Sylvia Plath. Colpisce in particolare il seguente passaggio: “Essere nata donna è la mia terribile tragedia. Dal momento in cui fui concepita sono stata condannata a sviluppare le mammelle e le ovaie piuttosto che il pene e lo scroto, condannata a una sfera d’amore, di pensiero e di sentimento rigidamente circoscritta dalla mia ineluttabile femminilità”. Nata nel 1932, morì suicida a trent’anni.

Pubblicato in Visioni